R7 - LA COERENZA POLITICA
>l’ideologia prima di tutto<
Un discorso simile ma non del tutto sovrapponibile a quello che è stato fatto sulla coerenza di una persona (R6) può essere fatto sulla coerenza di un partito, di un movimento o di una associazione politica - anche in questo caso abbiamo 3 elementi, ovvero l’ideologia, intesa come “complesso dei presupposti teorici e dei fini ideali (...) di un partito, di un movimento politico, sociale, religioso e sim.” (vocabolario Treccani), le dichiarazioni ufficiali e le iniziative concrete, e anche qui il presupposto essenziale è la corrispondenza tra ideologia e iniziative concrete, mentre le dichiarazioni ufficiali possono esserci, potendo rafforzare, indebolire o compromettere la coerenza, o anche non esserci - tuttavia, rispetto alla coerenza di una persona qui ci sono due differenze fondamentali
- 1 - intanto mentre il pensiero di una persona non può essere accertato direttamente, un’ideologia politica esplicita e condivisa è essenziale per unire un gruppo di persone più o meno ampio
- 2 - poi, mentre una persona è l’unica responsabile della propria coerenza, in un insieme di persone le responsabilità sono condivise e le parole o i comportamenti di una si possono ripercuotere su tutto il gruppo.
L’IDEOLOGIA PRIMA DI TUTTO - pertanto, la condizione essenziale per l’esistenza stessa di un gruppo di persone che costituiscono un partito politico è una ideologia coerente che funga da riferimento sia per far capire a chiunque se si riconosce o meno in quel partito, sia per coordinare le dichiarazioni ufficiali e le iniziative concrete degli esponenti che altrimenti sarebbero costretti a improvvisare le proprie parole e le proprie scelte andando incontro facilmente a contraddizioni reciproche.
ARBITRARIETÀ E FAZIOSITÀ - l’assenza di una chiara ideologia generica con riferimenti storici e culturali precisi e con posizioni specifiche nelle questioni più delicate fa sì che per giustificare e legittimare dichiarazioni o iniziative non condivise proprie o di altri esponenti si debba ricorrere alle argomentazioni più varie attraverso ragionamenti non obiettivi e coerenti ma faziosi e incoerenti.
>Gli esiti quasi inevitabili dell’assenza di ideologia sono le contraddizioni, l’incoerenza e la faziosità<
Gian Franco Dettori - me14mar2018
R6<<IL MODELLO DI PERSONA COERENTE
LA COERENZA STORICA NELLA POLITICA>>R8
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R4 - TUTTI SCONFITTI, SOPRATTUTTO I 5 STELLE >perché quella che per altri sarebbe potuta essere una vittoria, per gli allievi di Beppe Grillo è una chiara sconfitta
R5 - 1° RICHIAMO ALLA COERENZA DEL 2018 >una dote facile da pretendere ma difficile da vivere
R6 - IL MODELLO DI PERSONA COERENTE >un riferimento logico-pragmatico non sempre esemplare
R8 - LA COERENZA STORICA NELLA POLITICA >la conoscenza del passato al servizio del presente per un futuro migliore
R9 - L’ESSENZIALE PER UN BUON POLITICO >le due doti che a un buon politico non dovrebbero mai mancare
R10 - IL MODELLO DI POLITICO IDEALE >le doti che dovrebbe avere un buon politico
R20 - IL POLITICO PERFETTO >il profilo ideale di politico che emerge da sette doti
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R30 - LA DITTATURA DELL'IGNORANZA >perché spesso ha successo chi ha poca cultura
 
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"