R11 - LA RAPPRESENTANZA POLITICA
>i tre criteri con cui scegliere da chi farsi rappresentare<
Essendo impossibile coinvolgere tutti nei processi decisionali e gestionali, un gruppo di persone con interessi comuni ha bisogno di uno o più rappresentanti - questo discorso vale anche nella politica, e solitamente la scelta dei rappresentanti politici spetta al voto popolare - in generale chi vota può scegliere secondo tre criteri - il primo è un criterio identificativo, in cui il votante sceglie un candidato che più gli si avvicina in quando ne condivide per esempio i diritti, le esigenze, i meriti e a volte anche i difetti - il secondo è un criterio emotivo, per cui la preferenza va a chi piace di più per il fascino che suscita e per altre caratteristiche o capacità, a volte senza motivazioni razionali valide - il terzo criterio si basa sulla ragione, un criterio razionale che motiva l’elettore ad appoggiare il politico più serio, oppure quello che stima più per quello che dice che per come lo dice - ovviamente i tre criteri non si escludono a vicenda ma possono coesistere in una stessa scelta.
UNA POLITICA CON POCA RAGIONE - una rapida analisi dei politici italiani più in vista degli ultimi anni fa capire che da noi i criteri prioritari delle scelte sono stati soprattutto quello identificativo e quello emotivo, da soli o associati, mentre a giudicare dei risultati il criterio razionale ha avuto poco spazio.
CHI VALE UMILMENTE E CHI CERCA DI FARSI VALERE IMPONENDOSI - uno dei motivi per i quali noi Italiani non abbiamo politici meritevoli di rappresentarci è legato al fatto che chi lo farebbe più degnamente molto spesso ha già una professionalità e una posizione che ha conquistato meritevolmente e che deve mantenere, e un avvicinamento alla politica impedirebbe di portare avanti un percorso virtuoso che non si intende abbandonare, mentre sono più disponibili a cercare fortuna nella carriera politica altre persone che non hanno altri interessi, magari per trovare in questo mondo le soddisfazioni soprattutto monetarie che per via della loro mediocrità non hanno ottenuto nella vita, da cui una rappresentanza generalmente al di sotto della decenza.
>Mentre chi ci rappresenterebbe meglio ha altri interessi da coltivare, chi fa politica spesso lo fa come ripiego per una vita insoddisfacente<
Gian Franco Dettori - me21mar2018
R10<<IL MODELLO DI POLITICO IDEALE
LA TENTAZIONE DI RINNEGARE LE PROPRIE FRAGILI RADICI >>R12
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R10 - IL MODELLO DI POLITICO IDEALE >le doti che dovrebbe avere un buon politico
R13 - VALERE PER GLI ALTRI O SOLO PER SE STESSI >autorevolezza, autoritarismo, umiltà ed esibizionismo nella politica
R15 - L’ABUSO DELLA FIDUCIA E DELL’IGNORANZA ALTRUI >come vantarsi ridimensionando gli altri
R16 - IRRESPONSABILITÀ E DEMAGOGIA >come i politici inaffidabili ci prendono in giro
R17 - L’ABUSO DI UNA DOTE INCOMPLETA >quando l’emozione vola ma senza la ragione cade
R18 - STRATEGIE E DIPLOMAZIA AL SERVIZIO DEGLI ALTRI O PER SÉ STESSI >la politica che dà e la politica che prende
R19 - PROFESSIONISTI E POLITICANTI >la politica come servizio o come ripiego
R20 - IL POLITICO PERFETTO >il profilo ideale di politico che emerge da sette doti
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"